L’esplosione delle Criptovalute, come usarle e investire

L'esplosione delle Criptovalute, come usarle e investire

Era il 2009, anno della nascita del Bitcoin. Da quel momento il mondo degli investimenti, non sarebbe più stato lo stesso. Dopo di lui, mille altre criptovalute sono nate, portando di conseguenza sempre più persone, non necessariamente esperti di settore, ad avvicinarsi agli investimenti online. Possono piacere o non piacere. Chi totalmente a favore, chi assolutamente contro, fatto sta che nel mondo nel corso degli ultimi anni, le criptovalute hanno avuto una vera e propria esplosione, e su questo non si può discutere. Vediamo insieme come usarle e come investire.

Come usare le criptovalute

Come anticipato, il mercato delle criptovalute sta subendo un’ascesa che probabilmente non ha precedenti nella storia. Le domande che gravitano intorno a questo mondo sono molteplici: è possibile guadagnare con le criptovalute? Quante c’è ne sono in circolazione? Sono sicure? Tutte domande che trovano una risposta nel momento in cui si capisce come usarle.

Partiamo con il dire che acquistare una criptovaluta, attendere che questa acquisti valore per poi rivenderla, è una pratica che potrebbe far guadagnare, ma piuttosto rischiosa. Certo, chi si è comportato in questa maniera con il Bitcoin, la prima delle monete virtuali, oggi è diventato milionario. Ma ripetere un’ascesa così rapida e consistente sarà praticamente impossibile.

Si potrebbe quindi provare ad acquistare una criptovaluta nuova. Ne escono in continuazione, e trovarle è piuttosto semplice. Ma nessuno offre la garanzia che sul lungo termine possano equiparare le prestazioni del Bitcoin, e le incognite su quelle nuove sono davvero moltissime.

Come investire con le criptovalute

Come investire con le criptovalute

Un secondo modo per guadagnare con le criptovalute, è quello di fare trading online. In questo caso, anziché acquistarle per poi rivenderle a prezzi superiori, si scommette su quelle che sono le quotazioni. In altre parole il trading si concretizza con una doppia possibilità di guadagno in base alla “scommessa” fatta, se al rialzo o al ribasso.

Può apparire come un gioco, ma non è assolutamente da prendere in questo modo. La facilità con cui è possibile avvicinarsi a questo mondo, non deve trarre in inganno. Certo, rispetto all’acquisto delle criptovalute, fare trading richiede capitali decisamente più contenuti perché, in base alla piattaforma scelta, quindi il broker, possono bastare poche decine di euro.

Ma questo fattore può essere quello che causa una sottovalutazione del rischio correlato all’investimento. Perdere una volta sola 100 euro, probabilmente non avrà conseguenze disastrose su di una persona. Perdere 100 euro per 10 volte però, comincia ad assumere proporzioni differenti.

Prima di cominciare ad investire quindi, occorre studiare e sviluppare delle competenze nel settore. Questo è possibile scegliendo la giusta piattaforma su cui operare. Le più serie difatti, che poi sono anche quelle autorizzate ad operare e regolamentate, offrono molteplici strumenti formativi, tra cui webinar, video corsi, guide dettagliate, grafici da studiare che simulano l’andamento dei mercati, forum dove è possibile confrontarsi con altri investitori, ed altro ancora.

I broker affidabili in circolazione, con cui stare sicuri che non trufferanno e non spariranno il “giorno dopo”, sono molteplici ed ognuno di questi offre caratteristiche che lo differenziano dalla concorrenza. Tra questi è giusto menzionare eToro, 24option, plus500, Iq Option e Markets.com.

Please follow and like us:
error